Il processo a Johnny Depp e Amber Heard potrebbe essere “catastrofico” per le vittime di abusi, avvertono gli attivisti – Showbiz

Il processo per diffamazione negli Stati Uniti tra gli attori Johnny Depp e Amber Heard, e la decisione di trasmetterlo in televisione, avranno un impatto “potenzialmente catastrofico” sulle vittime di abusi, affermano diverse donne legate alla violenza domestica e all’aggressione. sessuale.

I membri della giuria nel processo di sei settimane, in cui i due attori si sono scambiati accuse di violenza domestica, si sono schierati con Depp.

Quindi, hanno deciso che Heard doveva pagare $ 10,35 milioni per averlo diffamato in una colonna del Washington Post del 2018 in cui non menzionava il nome dell’attore ma lo descriveva indirettamente come un “abuso domestico”.

D’altra parte, Depp dovrà risarcire l’attrice in 2 milioni di dollari per danni e perdite. L’avvocato di Heard, Elaine Bredehoft, ha dichiarato giovedì che il suo cliente non poteva permettersi di pagare i danni previsti.

Johnny Depp

” data-title=”Il processo di Johnny Depp e Amber Heard potrebbe essere “catastrofico” per le vittime di abusi, avvertono gli attivisti – SAPO Mag”>

Johnny Depp

Il giudice Penney Azcarate ha deciso di consentire, settimane prima dell’inizio del processo, la presenza di telecamere nel tribunale statale, temendo che, in caso contrario, molti giornalisti si sarebbero presentati per seguire il caso.

“Non vedo alcuna buona ragione per non permettere” le telecamere, ha detto Azcarate, secondo la rivista Variety, una decisione che gli avvocati della star di Pirati dei Caraibi hanno approvato ma che la difesa di Heard ha cercato invano di impedire.

Michele Dauber, professore di diritto alla Stanford University e attivista contro le aggressioni sessuali nell’ambiente universitario, ha definito la decisione “la peggiore” per le vittime “da decenni”, che rivela “una profonda mancanza di comprensione da parte del giudice violenza sessuale”.

La Heard è stata costretta a “descrivere il suo presunto stupro in modo dettagliato in televisione. Questo muove la coscienza e dovrebbe offendere tutte le donne e le vittime, indipendentemente dal fatto che tu sia d’accordo con il verdetto o meno”, ha detto.

Dauber ha spiegato che l’ultimo caso che ricorda che una vittima di stupro è stata costretta a testimoniare pubblicamente ha avuto luogo nel 1983.

“Non c’è modo di giustificare la decisione del giudice di consentire le telecamere in questo caso. […] Non vi è alcun interesse pubblico in questo caso che possa risarcire il danno causato”.

D’altra parte, ha affermato che “tutte le vittime ci penseranno due volte prima di farsi avanti e chiedere un ordine restrittivo o dire a qualcuno di eventuali abusi che stanno subendo dopo questo”.

“Le donne possono finire ferite e persino uccise se non cercano aiuto. Questo caso è stato un completo disastro”, ha detto.

” data-title=”Il processo di Johnny Depp e Amber Heard potrebbe essere “catastrofico” per le vittime di abusi, avvertono gli attivisti – SAPO Mag”>

Il processo ha affascinato un pubblico mondiale che non è abituato a vedere accuse di aggressione sessuale e intimità di coppia in tribunale e che, indipendentemente dalle opinioni sul verdetto, è un problema, ha avvertito Ruth Glenn, presidente della National Coalition Against Domestic Violence. .

“Credo che abbiamo ancora una società che non comprende le dinamiche della violenza domestica”, ha detto a France-Presse in un’intervista.

Quel contesto non è stato discusso abbastanza durante la causa Fairfax, ha affermato, sottolineando che per lei e per i suoi colleghi non c’era “alcun dubbio” sui modelli di abuso presentati.

“Devi assicurarti che ci siano persone presenti che lo capiscano. E finché non lo fanno, non possiamo trasmetterlo in televisione”, ha detto.

“pura misoginia”

Dauber, che è stato abusato online per aver commentato su Twitter il caso, ha anche affermato che rivela il crescente contraccolpo contro i diritti delle donne negli Stati Uniti.

L’opinione pubblica è rimasta fortemente dalla parte di Depp, con Heard che è stato il bersaglio di numerosi messaggi e meme sui social media, alcuni dei quali Dauber ha descritto come “pura misoginia”.

Il verdetto è stato accolto favorevolmente da molti esponenti della destra politica, ha detto Dauber, compresi i messaggi su Twitter di Donald Trump Jr., figlio dell’ex presidente repubblicano, e del potente Comitato giudiziario repubblicano della Camera dei rappresentanti.

Heard è stato linciato “metaforicamente” e il verdetto “chiaro che, per ora, la violenta reazione contro i diritti delle donne sta prendendo il sopravvento”, ha scritto. Inoltre, ha citato i timori sulla possibilità che la Corte Suprema degli Stati Uniti annulli il diritto all’aborto.

Per molti, il caso Depp-Heard mette in dubbio anche il futuro di #MeToo, il movimento creato dall’hashtag del 2017 che incoraggiava le donne a denunciare gli uomini che le avevano abusate.

“È impossibile non vedere questa come una reazione violenta a #MeToo, come se le donne fossero andate troppo oltre. Ok ragazze, vi abbiamo sentito e abbiamo arrestato alcuni uomini. Non essere così avido ora”, ha scritto un utente di Reddit in un post. blog per la guida ai contenuti Web di Embedded Substack.

Da parte sua, Tarana Burke, fondatrice del movimento #MeToo, ha pubblicato un post provocatorio su Twitter in cui elencava i suoi successi e chiedeva ai suoi follower di concentrarsi sui milioni di donne che ora parlano senza vergogna, invece di entrare nel fuoco incrociato. di vittorie e sconfitte giudiziarie.

“Questo movimento è molto VIVO!” egli ha esclamato.

Glenn, d’altra parte, era più filosofico: “Direi comunque, non so quanta trazione abbiamo guadagnato. Quindi dovremmo usarlo come promemoria del lavoro che dobbiamo ancora fare”.

Add Comment