Scopri come utilizzare FGTS per acquistare azioni Eletrobras | Economia

I lavoratori di qualsiasi settore che hanno fondi nel Fondo TFR (FGTS) potranno utilizzare fino al 50% di questo saldo per acquistare azioni Eletrobras nel processo di privatizzazione della società, che dovrebbe avvenire tra giugno e, al più tardi, metà giugno. Agosto.

L’acquisto avverrà attraverso i cosiddetti “fondi comuni di privatizzazione”, un dispositivo nato negli anni 2000 e già utilizzato dal governo nella vendita di titoli di altre società statali.

A marzo Caixa Econômica Federal ha pubblicato procedure e regole per l’utilizzo dei fondi per i lavoratori interessati a partecipare a qualsiasi offerta di privatizzazione autorizzata nell’ambito del Programma Nazionale di Privatizzazione (PND).

La privatizzazione di Eletrobras è stata approvata mercoledì (18) dalla Corte dei conti federale (TCU). Oltre alla compagnia energetica statale, il team economico prevede anche di privatizzare l’ufficio postale quest’anno.

  • Privatizzazione di Eletrobras: Quali sono i prossimi passi
  • Conseguenze: dove vanno i soldi e quale sarà l’impatto sulla bolletta della luce?

L’utilizzo delle FGTS nelle privatizzazioni è già avvenuto in tre occasioni: Petrobras, nel 2000; Valle del Rio Doce, 2002; e ancora Petrobras, nel 2010. I fondi comuni sono gestiti da istituzioni finanziarie.

Nel processo di privatizzazione di Eletrobras è stato stabilito un tetto di R$ 6 miliardi per l’utilizzo globale delle risorse FGTS nell’acquisto di azioni dell’offerta pubblica. Se le domande superano tale massimale, verrà effettuato un riparto.

Secondo le regole, la partecipazione del lavoratore ai fondi comuni di privatizzazione, con risorse FGTS, può avvenire individualmente o tramite un Club di Investimento (CI-FGTS) gestito da un ente autorizzato dalla Securities and Exchange Commission (CVM).

“Se c’è una precedente trattenuta/blocco di parte o tutto il saldo del conto collegato del lavoratore, l’importo disponibile per la domanda di FMP sarà limitato alla risorsa rimanente disponibile”, ha spiegato Caixa.

dalle regole, il lavoratore può autorizzare, mediante l’applicazione dell’art FGTSl’ente che gestisce il fondo comune di privatizzazione per consultare il saldo e richiedere la riserva, e l’addebito, di parte del saldo del proprio conto FGTS per le privatizzazioni.

L’applicazione può essere scaricata dai seguenti link:

  • telefoni cellulari Android (clicca qui per scaricare)
  • Cellulari iOS – Apple (clicca qui per scaricare)

“Solo dopo che sono trascorsi 12 mesi dalla data di presentazione della domanda si può procedere alla ritrattazione con un conseguente ritorno sull’investimento alla FGTS”, ha informato Caixa. Affinché ciò avvenga, la richiesta sarà avanzata dall’intestatario del conto collegato all’amministratore della FMP-FGTS o CI-FGTS.

L’investimento in quote FMP può arrivare fino al 50% del saldo di ciascun conto collegato, valido per operazioni nell’ambito del Programma Nazionale di Privatizzazione e/o programmi statali simili approvati dal Consiglio del Programma di Partenariato di Investimento (CPPI).

Tuttavia, entro il limite del 50%, verranno presi in considerazione tutti gli investimenti che il lavoratore ha in FMP-FGTS. In altre parole, se l’investitore ha ancora una parte del suo FGTS investito in azioni Petrobras e Vale, questo importo deve essere detratto per scoprire quanto può ora essere assegnato alle azioni Eletrobras.

“La limitazione del 50% del saldo totale del conto collegato deve essere rispettata per ciascuna domanda, in base al saldo del conto collegato e considerando gli usi precedenti nell’FMP-FGTS”, afferma Caixa nel documento.

Per l’utilizzo del FGTS nell’acquisto di un’abitazione pronta o in costruzione, nel pagamento di parte delle rate e nell’ammortamento o liquidazione straordinaria del saldo residuo del finanziamento del Sistema Housing Finance (SFH), il la restituzione delle somme investite in FMP-FGTS può essere totale o parziale.

Le istituzioni finanziarie che gestiscono i fondi comuni di privatizzazione, a loro volta, devono offrire ai lavoratori:

  • consultazione del saldo del lavoratore disponibile per l’investimento in FMP;
  • registrazione dell’Application Worker Request FMP;
  • Record di regolarizzazione dell’operazione;
  • Informazioni sul blocco del valore dai conti collegati.

I fondi di privatizzazione possono essere un’alternativa per i lavoratori che desiderano migliorare le prestazioni delle proprie risorse. Tuttavia, non vi è alcuna garanzia che ciò avvenga. Per legge, il FGTS ha un rendimento del 3% annuo.

Negli ultimi anni, tuttavia, i lavoratori hanno anche ricevuto parte degli utili del Fondo di garanzia, che derivano dagli interessi addebitati su prestiti per progetti di infrastrutture, servizi igienico-sanitari e proprietà di abitazioni. La distribuzione ha migliorato il rendimento dei fondi depositati nel fondo.

Nel 2020, con la distribuzione ai lavoratori dell’utile FGTS, il reddito è stato del 4,52%. Nel 2019, considerando la distribuzione addizionale degli utili, il rendimento è stato del 4,90%. Nel 2018 ha raggiunto il 6,18%.

Secondo un’analisi di XP, ha ripagato l’investimento nella diversificazione del portafoglio con fondi FGTS in precedenti operazioni (Petrobras e Vale do Rio Doce).

“Gli investitori che hanno lasciato i loro fondi investiti solo nel FGTS hanno avuto un rendimento del 136,09% [2002 a 2022]. Per l’investitore che ha investito in un FMP simulato di Vale da Rio Doce, una delle opzioni offerte dal mercato, il rendimento è stato del 2.235,13%. Per l’investitore che ha investito risorse nel fondo simulato Petrobras, un’altra opzione offerta al mercato, ha avuto un rendimento del 649,36% nello stesso periodo”, ha informato l’intermediazione.

Privatizzazione di Eletrobras

Il provvedimento provvisorio che consente la privatizzazione di Eletrobras è stato sanzionato nel luglio dello scorso anno dal presidente Jair Bolsonaro.

L’aspettativa è che la vendita del controllo della partecipazione possa fruttare alle casse pubbliche 100 miliardi di R$. A fine febbraio, gli azionisti di Eletrobras hanno autorizzato il processo in Assemblea Generale Straordinaria.

  • GUARDA COSA SI CONOSCE SULLA PRIVATIZZAZIONE DI ELETROBRAS

Con la privatizzazione, il governo non sarebbe più il socio di maggioranza dell’azienda. Oggi detiene oltre il 60% di queste azioni e l’obiettivo è mantenerne il 45%.

Capire come la privatizzazione di Eletrobras influisca sulla bolletta dell’elettricità

Il governo intende trasformare Eletrobras in una “corporazione”, una società privata senza un controllore definito. Un modello simile è stato adottato nella privatizzazione di Embraer.

Secondo il governo, la privatizzazione ripristinerà la capacità di investimento della società nella generazione e trasmissione di energia e potrebbe ridurre la bolletta dell’elettricità.

Enti del settore, però, sostengono che il conto sarà più caro, perché deputati e senatori hanno inserito nel testo misure che generano costi a carico dei consumatori.

“La bolletta dell’elettricità potrebbe essere più costosa a causa della privatizzazione”, afferma Miriam Leitão a proposito di Eletrobrás

Add Comment